logo ricette smart
IL CIBO DEL BENESSERE





Per essere belli fuori occorre innanzitutto essere vivi e vitali dentro.

I nostri organi devono essere mantenuti giovani come la nostra pelle.


Per fare questo è essenziale alimentarsi scegliendo cibi che possano nutrire realmente le nostre cellule e che quindi apportino elementi di energia "pulita".


Un'alimentazione sana contribuisce certamente a migliorare il nostro aspetto, evitando l'eccesso di sostanze potenzialmente "tossiche" e il sovraffaticamento degli organi emuntori, quelli cioè deputati a mantenere pulito l'organismo eliminando le tossine: fegato, reni, intestino e la stessa pelle, che svolge un ruolo importante nell'equilibrio del nostro corpo.


Attraverso i processi digestivi e metabolici, il cibo che ingeriamo si trasforma nel nostro sangue e diventa parte della nostra energia vitale. Tanto più i nostri cibi saranno freschi e poco lavorati, tanto più l'energia che essi possiedono non si disperderà e verrà assimilata dall'organismo.


Ogni volta che ci nutriamo, portiamo dentro di noi, insieme con un determinato cibo, non solo proteine, grassi, carboidrati, ecc., ma anche un "universo" di immagini, odori, sapori e significati.


Alla base di una sana alimentazione è essenziale:


CONSUMARE TANTI CEREALI


Nella dieta mediterranea in genere si utilizzano il riso e soprattutto, la farina di frumento, da cui si ottengono pane e pasta.


Vi sono anche tutta una serie di cereali, oggi purtroppo trascurati, pur essendo ricchi di principi nutritivi: orzo, segale, farro, avena,, miglio, mais, che possono venire cotti e preparati nei modi più vari.


I processi di raffinazione tramite i quali si ottengono le farine bianche,

se da un lato rendono i derivati più velocemente digeribili e apprezzabili al gusto, dall'altro depauperano gravemente i cereali di principi nutritivi fondamentali, quali proteine vegetali, vitamine e sali minerali.


Introdurre gradualmente i cereali integrali nell'alimentazione quotidiana, tenendo conto del proprio gusto e piacere, è la strada migliore per ottenere il massimo beneficio, senza autoimposizioni per "dovere" che possono soltanto suscitare profonde reazioni di rifiuto.




CONSUMARE TANTE VERDURE


La dose ottimale da consumare secondo i nutrizionisti sarebbe di 2-3 porzioni di verdure al giorno. Le verdure andrebbero consumate crude o cotte velocemente e a bassa temperatura (al vapore o stufate in poca acqua), così da non disperdere i principi nutritivi. E' importante variare la verdura secondo la stagione e sceglierne di tutti i colori (verde, gialla, arancione, rossa, viola) e varietà (radici, bulbi, foglie, frutti e semi, fiori). I germogli, ottenuti con un germinatore, arricchiscono la dieta di un benefico surplus di vitamine ed enzimi.




CONSUMARE TANTA FRUTTA FRESCA


Il quantitativo consigliato sarebbe di 3 porzioni di frutta al giorno.

I frutti succosi (mele, pere, pesche, albicocche, prugne,

ciliegie, fragole, kiwi, more, lamponi, mirtilli, uva, ecc.)

e gli agrumi (arance, mandarini, limoni, pompelmi, ecc.)


hanno proprietà mineralizzanti, antiossidanti e alcalinizzanti,

nel senso che correggono una eccessiva acidità dei tessuti dell'organismo, causa di sofferenza cellulare.


Altri frutti (fichi, banane, ananas, datteri, ecc.)

sono più ricchi di zuccheri e quindi forniscono

anche un maggior apporto energetico.



MODERARE IL CONSUMO DI SEMI


Noci, nocciole, mandorle, anacardi, pinoli, semi di zucca, girasole, sesamo, di lino, contengono grassi costituiti da acidi grassi polinsaturi, necessari al nostro organismo per mantenere integre le strutture cellulari, proteggendole dall'attacco dei radicali liberi. E' consigliato consumare quotidianamente una piccola quantità di semi oleosi anche per la bellezza della pelle e la prevenzione delle rughe.




VARIARE LE FONTI PROTEICHE


Le proteine sono la base necessaria per la costruzione delle cellule dell'organismo: anche quelle della pelle, dei capelli e delle unghie sono costituite per buona parte da proteine (cheratina).


Le proteine di derivazione animale sono quelle privilegiate nella nostra alimentazione, in quanto contengono tutti gli aminoacidi essenziali per la costruzione delle proteine del nostro corpo. Dal punto divista nutrizionale sarebbe meglio variare le fonti proteiche incrementando il consumo di proteine di origine vegetale, quali i legumi.


Queste non contenendo tutti gli aminoacidi, vanno consumate abbinate ai cereali integrali, con i quali si combinano perfettamente. La soia contiene molti degli aminoacidi essenziali. I suoi derivati come il tofu possono sostituire un piatto di carne o di latticini. I cibi di origine animale contengono anche grassi saturi (colesterolo e trigliceridi) il cui eccesso nel corpo è collegato a patologie cardiovascolari e degenerative.


I grassi del pesce esercitano invece un ruolo"protettivo" nei confronti di tali patologie. Il pesce azzurro (alici, sardine, sgombro, ecc.) è particolarmente ricco di grassi ad alto contenuto di omega 3.




LIMITARE GLI ALIMENTI IN SCATOLA E INDUSTRIALI


Esiste una vastissima gamma di alimenti preconfezionati, conservati in modo chimico, raffinati che non solo non rispondono alle esigenze nutrizionali, ma, per il loro contenuto di conservanti, grassi elaborati, sale, ecc. contribuiscono a fornirci sostanze di scadente e dannosa qualità (patatine, merendine di tutti i tipi, bibite e succhi di frutta, dolci industriali, dadi da brodo, ecc.).


Naturalmente vale la regola del buon senso: consumare saltuariamente qualcuno di quesi cibi o compiere qualche "peccato di gola" non crea problemi alla nostra salute.


Questi alimenti possono essere sostituiti da alimenti più sani: formaggi genuini tradizionali, marmellate, gelati e dolci casalinghi, erbe aromatiche, frullati, latte e frutta fresca e secca, cioccolato prevalentemente fondente.


Conviene ridurre il consumo eccessivo di zucchero bianco e di sale marino raffinato, preferendo miele grezzo,melassa, zucchero bruno integrale e sale marino integrale, sale rosa dell'Himalaya, che oltre al cloruro di sodio contiene altri minerali e oligoelementi utili.




UTILIZZARE LE SPEZIE E LE ERBE ROMATICHE


Note fin dall'antichità, le spezie e le erbe aromatiche sono sostanze vegetali caratterizzate da un profumo intenso e dotate di proprietà medicinali.


Scegliere con cura e dosare con attenzione spezie ed erbe aromatiche, miscelare fragranze più o meno intense, esaltare i profumi abbinandoli alle diverse preparazioni e sottolineandoli con l'olio extravergine di oliva:


questo è il modo migliore per avere piatti leggeri ma con sapori e profumi sempre nuovi. Oltre a rendere i cibi più saporiti e digeribili, grazie a loro disponiamo di un prezioso aiuto per stimolare la digestione, le funzioni organiche e il metabolismo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *